Hotel Conca Park: primo albergo « Zero Waste »

Pubblicato da & nella categoria News.

Conca ParkIl Grand Hotel Conca Park del Gruppo Imprenditoriale Russo Hotels fondato da Mariano Russo si è aggiudicato un importante primato nazionale in materia di sostenibilità applicata alla gestione aziendale e diventando il primo hotel d’Italia completamente a « zero waste » grazie all’abbandono delle tradizionali prassi ad elevata produzione di rifiuti. Un primato che è frutto di un lavoro durato due anni e coordinato da Antonino Esposito reso possibile con l’adesione al protocollo del progetto « Hotel a Rifiuti Zero« . Sabato 31 Maggio 2014 si riunisce a Sorrento l’organizzazione dello « Zero Waste Tour » con Rossano Ercolini e Paul Connett, l’ideologo statunitense del programma zero waste, per la presentazione dei risultati ottenuti dal Conca Park che dal 2009 è anche la sede dell’Università della Cucina Mediterranea.

La filosofia « zero waste » adottata dal Conca Park a partire dal 2012 ha praticamente dimezzata la produzione di rifiuti attraverso un’educazione al riuso e all’utilizzo di prassi che hanno cinvolto l’intera organizzazione aziendale. E’ successo così che neli ultimi due anni la struttura alberghiera sorrentina è stata capace di ridurre del 50% i rifiuti totali prodotti dal 2012. Qual è il segreto di questo successo? “Mettendo le mani nella spazzatura per capire bene i flussi e la tipologia di rifiuti prodotti in ogni zona dell’albergo, dalle camere alla prima colazione” ha spiegato all’Adnkronos Antonino Esposito, responsabile progetto hotel e ristoranti di Zero Waste Italia. Prima colazione, bottigliette di acqua in Pet, iniziative virtuose, una strategia vincente e un “gioco di squadra”. Sono questi gli interventi che hanno fatto del Conca Park Hotel il primo hotel in Italia a rifiuti zero.

ADDIO ALLE MONOPORZIONI PER LA PRIMA COLAZIONE – In merito alla prima colazione, la struttura alberghiera campana ha ridotto del 60% la produzione dei rifiuti. Come? Invertendo la rotta: addio alle monoporzioni, tipiche del servizio di prima colazione offerto ai clienti. Idea vincente dal momento in cui anche la cassa ne ha tratto guadagno: 5 mila euro in meno all’anno solo eliminando le monoporzioni.

LA PLASTICA? NO, SOLO VETRO E CERAMICA – Addio anche alla plastica: ridotti del 40% i rifiuti derivanti dalle bottigliette di acqua in Pet. È il vetro il materiale più utilizzato all’interno della struttura. Di vetro sono i bicchieri messi a disposizione per ogni cliente, che possono usufruire di acqua gratuita da erogatori istallati in ogni piano dell’albergo. Di vetro sono le bottiglie di latte offerte per la prima colazione, grazie ad un accordo con una società che fornisce latte in vetro con il vuoto a rendere. Niente vetro, invece, per le tazzine da caffè destinate ai dipendenti: sono in ceramica e su di ognuna c’è scritto il nome del dipendente che la utilizza.

LA COLLABORAZIONE DEI DIPENDENTI – Altro punto di forza del progetto sono proprio i dipendenti. È infatti grazie a loro che la filosofia dei rifiuti zero ha avuto così successo all’interno del Conca Park Hotel. “Inizialmente il timore era quello che non accettassero le modifiche introdotte, invece sono stati proprio loro a portare avanti il progetto e a dare suggerimenti utili a migliorarlo” ha spiegato il responsabile progetto hotel e ristoranti di Zero Waste Italia.

TAPPI DI SUGHERO, CANNUCCE E COMPOST – Considerando che in un anno di attività, l’albergo produce all’incirca 80 kg di rifiuti in tappi di sughero, il Conca Park Hotel ha stretto un accordo con l’azienda Amorim, specializzata nel settore. Risultato? Tappi di sughero zero, sostenibilità 1. Amorim, infatti, ritira tutti i tappi di sughero e il ricavato va in beneficenza. Tra le piccole iniziative promossse dall’albergo sorrentino ci sono anche le cannucce da drink biodegradabili: una volta usate, finiscono nel compost. Ma non sono le uniche, per tutto ciò che non si riesce ad eliminare “l’acquisto di una macchina per il compostaggio trasforma i rifiuti in compost utilizzato nel nostro giardino” ha spiegato Antonino Esposito.

FILOSOFIA ZERO WASTE ANCHE AI CLIENTI – Protagonisti di questa trasformazione, però, sono anche i clienti ai quali è dedicato un Zero Waste Point dove possono ricevere tutte le informazioni sul progetto e sugli esercizi che a Sorrento hanno sposato la filosofia Zero Waste. In questo modo, i clienti hanno diritto a degli sconto negli esercizi commerciali da loro scelti. A sostegno di questa filosofia, all’arrivo di ogni cliente nella struttura alberghiera, viene proiettato un video di 5 minuti in cui engono elencate le regole da seguire se vogliono preservare l’ambiente e il paesaggio della zona.

APPUNTAMENTI – Con il progetto Zero Waste Tour, nell’ambito delle iniziative promosse da Zero Waste Italy, il Conca Park Hotel di Sorrento sarà premiato il 16-17 giugno, le due giornate in cui Zero Waste Tour approderà a Sorrento; mentre sabato 31 maggio, appuntamento presso la Sala Meeting dell’albergo sorrentino, per un incontro con Paul Connett e Rossano Ercolini, nell’ambito del progetto “Hotel e ristoranti Rifiuti Zero”.